Basilico: proprietà, benefici e controindicazioni

Estate, tempo di basilico fresco, da far crescere rigoglioso anche in vaso e da utilizzare per tante ricette. Scopriamone insieme le virtù e come sfruttarne a pieno il gusto e l’aroma.

Calorie e valori nutrizionali del basilico

Elementi principali
Basilico (100 g)
Acqua92,1 g
Energia23 kcal
Proteine3,15 g
Grassi0,64 g
Carboidrati2,65 g
Fibre1,6 g
Zuccheri0,3 g
Minerali
Basilico (100 g)
Calcio177 mg
Ferro3,17 mg
Magnesio64 mg
Fosforo56 mg
Potassio295 mg
Sodio4 mg
Zinco0,81 mg
Vitamine
Basilico (100 g)
Vitamina C18 mg
Tiamina0,034 mg
Riboflavina0,076 mg
Niacina0,902 mg
Vitamina B60,155 mg
Folato, DFE68 µg
Vitamina A, RAE264 µg
Vitamina E0,8 mg
Vitamina K415 µg
Grassi
Basilico (100 g)
Grassi saturi0,041 g
Grassi monoinsaturi0,088 g
Grassi polinsaturi0,389 g

Fonte: USDA Food Composition Databases


Pianta di basilico

Il basilico è una pianta aromatica tra le più amate e utilizzate nella cucina italiana. Le sue foglie sono costituite per oltre il 90% da acqua, abbinata a diversi minerali, tra i quali spiccano potassio, magnesio, rame, calcio e manganese. Contiene inoltre diverse vitamine del gruppo B, vitamina A e vitamina K. Grazie al mix di elementi descritti e alle componenti oleose presenti nelle sue foglie, al basilico sono associate proprietà antiossidanti, antibatteriche e digestive.

L’olio essenziale di basilico, opportunamente diluito, è utilizzato in erboristeria per gli effetti antinfiammatori offerti dalla presenza di eugenolo, che sembra essersi dimostrato un utile supporto alle cure per dolori articolari e reumatici. Diffuso nell’ambiente, l’olio essenziale di basilico è considerato un rimedio naturale efficace contro le zanzare.

Non esistono particolari controindicazioni all’uso delle foglie di basilico fresche in cucina. È generalmente raccomandato però utilizzare le foglie di piante già cresciute in altezza, superiori almeno a 10 centimetri. La questione è stata a lungo dibattuta, ma sembra che le piante più giovani (2-3 centimetri) contengano una sostanza potenzialmente tossica, il metileugenolo, la cui presenza risulta invece irrilevante nelle piante più sviluppate.

Basilico in vaso

Coltivare il basilico in vaso non è particolarmente complicato se si ha la possibilità di riporlo in un luogo ben soleggiato, facendo solo in modo che non riceva il sole diretto nelle ore estive più calde, pena vederlo rapidamente seccare. La terra deve essere umida, ma senza ristagni. La soluzione è quindi bagnarlo poco e spesso. Il basilico teme il freddo ed è quindi difficile che sopravviva all’inverno sul balcone.

Origini, diffusione e varietà

Il basilico (Ocimum basilicum) è una pianta originaria dell’India e diffusasi anticamente in Medio Oriente e in tutta l’area del Mediterraneo. Appartiene alla famiglia delle Lamiaceae e può raggiungere i 60 centimetri di altezza. La raccolta si concentra nel periodo estivo.

Esistono numerose varietà di basilico (si contano circa una sessantina di cultivar nel mondo), differenti per aroma e per aspetto delle foglie. Nella cucina thailandese e vietnamita è ad esempio utilizzata una varietà di basilico lievemente piccante che racchiude un aroma composito, con note di menta, anice e chiodi di garofano. Il basilico messicano si distingue invece per un aroma di cannella. La cultivar più utilizzata in Italia fin dall’antichità è il basilico genovese: foglie verdi ovali, profumo e gusto inconfondibile. La coltivazione in territorio ligure del basilico è tutelata dal marchio Denominazione di Origine Protetta.

Basilico di Genova

A Genova–Prà è possibile visitare il Parco del Basilico, inaugurato nel 2006.

Il basilico in cucina

Il basilico dà in assoluto il suo meglio fresco e a differenza di altre erbe aromatiche si presta meno ad essere essiccato. Per conservarlo un po’ più a lungo è possibile congelarlo oppure riporlo sotto sale. In entrambi i casi dovrà prima essere lavato e asciugato perfettamente, ma delicatamente e senza stropicciarlo, per non farlo annerire.

Per quanto riguarda gli accostamenti più riusciti, è un classico abbinarlo al pomodoro, che sia in salsa o a fette. Il basilico è perfetto quindi da aggiungere all’ultimo sul sugo al pomodoro per la pasta, sulla pizza e sulle bruschette, per decorare un’insalata caprese o nelle insalate di pasta fredda estive. Insieme a pinoli, formaggio, aglio e olio d’oliva il basilico si utilizza poi per preparare il tradizionale pesto alla genovese.

Nelle ricette dolci, il basilico si sposa perfettamente con le fragole, per realizzare ottimi semifreddi e mousse. Un’altra combinazione riuscita è quella tra basilico e cioccolato. Qualche fogliolina di basilico è ottima anche per aromatizzare cocktail estivi analcolici a base di pompelmo e limone.

Prova Everli

Registrati gratuitamente e ricevi email con sconti e promozioni per la tua spesa online

Articoli simili

Pubblicato da Daniela Dall'Alba

Laureata in Lingue e Letterature Straniere all'Università degli Studi di Milano, copywriter e traduttrice freelance, Daniela collabora con Everli da febbraio 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.