Cipolla: calorie, proprietà, benefici e controindicazioni

Indispensabile per un buon soffritto e ingrediente, più o meno discreto a seconda dei casi, di innumerevoli ricette, la cipolla è un ortaggio coltivato fin dall’antichità e dalle qualità non indifferenti.

Calorie e valori nutritivi della cipolla

Elementi principali
Cipolla (100 g)
Acqua89,1 g
Energia40 kcal
Proteine1,1 g
Grassi0,1 g
Carboidrati9,34 g
Fibre1,7 g
Zuccheri4,24 g
Minerali
Cipolla (100 g)
Calcio23 mg
Ferro0,21 mg
Magnesio10 mg
Fosforo29 mg
Potassio146 mg
Sodio4 mg
Zinco0,17 mg
Vitamine
Cipolla (100 g)
Vitamina C7,4 mg
Tiamina0,046 mg
Riboflavina0,027 mg
Niacina0,116 mg
Vitamina B60,12 mg
Folato, DFE19 µg
Vitamina E0,02 mg
Vitamina K0,4 µg
Grassi
Cipolla (100 g)
Grassi saturi0,042 g
Grassi monoinsaturi0,013 g
Grassi polinsaturi0,017 g

Fonte: USDA Food Composition Databases


Proprietà e benefici della cipolla

Della pianta della cipolla consumiamo da secoli il bulbo sotterraneo, sia in piccole quantità come aroma, similmente a quanto avviene per l’aglio, che come vero e proprio alimento. È soprattutto in questo caso, quando le quantità nel piatto si fanno degne di nota, che è possibile riscontrare interessanti benefici derivanti dai composti presenti all’interno della cipolla, fonte di antiossidanti e in particolare di flavonoidi.

Cipolla tritata

Tra le proprietà della cipolla spicca l’azione depurativa e diuretica, che unita all’assenza di grassi e colesterolo consente di inserirla senza problemi e anzi con profitto in diete mirate al controllo del peso. Un etto di cipolla apporta circa 40 calorie, le fibre sono presenti anche se non in grandi quantità, mentre gli zuccheri rappresentano circa il 6% del peso. Una cipolla è del resto composta da acqua per circa il 90% del totale dell’alimento. Le cipolle non si distinguono per la componente vitaminica, piuttosto scarsa, ma contribuiscono all’apporto di alcuni sali minerali utili, come potassio, calcio, magnesio e manganese. Gli effetti benefici della cipolla vanno ricondotti soprattutto alla presenza già citata di antiossidanti e di composti antinfiammatori e antibatterici. Sembra che questo ortaggio si dimostri d’aiuto nella regolazione della glicemia, come ipotensivo e di supporto nell’abbassare i livelli di colesterolo nel sangue.

Cipolle rosse

Va poi considerato il colore delle cipolle utilizzate, particolare che influisce sia sul gusto, e quindi sull’uso in cucina, che sulle proprietà nutrizionali dell’alimento. Le cipolle rosse, ad esempio, come è tipico delle verdure di questo colore, conterranno più antocianine rispetto alle cipolle di altre varietà.

Un altro elemento da considerare sotto il profilo nutrizionale è la tecnica di cottura utilizzata per portarle a tavola. Se la cipolla cruda conserva intatte tutte le sue proprietà, bollita ne risulta in parte impoverita, come del resto dal punto di vista del gusto e dell’aroma. Il compromesso ideale si trova nell’utilizzare la cipolla brevemente rosolata, facendo sempre molta attenzione a non bruciarla, perché è molto facile comprometterne il sapore e, a catena, rovinare la ricetta.

Controindicazioni della cipolla

Le cipolle presentano alcune controindicazioni che riguardano principalmente fenomeni allergici, non rari soprattuto in caso di impiego dell’alimento crudo. Si possono aggiungere difficoltà digestive collegate perlopiù a problematiche già in essere e che ne rendono sconsigliabile il consumo. In particolare acidità di stomaco e reflusso potrebbero peggiorare a causa degli acidi naturalmente presenti nell’ortaggio.

Per alleggerire gusto e persistenza dell’aroma al palato, altro inconveniente collegato al consumo abbondante di cipolla, è consigliabile pensare ad eliminarne la parte centrale al momento di affettarla. Anche l’utilizzo del latte in cottura può contribuire a ridurre in parte il problema. È importante inoltre che la cipolla utilizzata sia stata correttamente conservata e non sia troppo vecchia.

Cipolla a metà

Per ciò che riguarda invece l’irritazione oculare e le lacrime che facilmente accompagnano l’incisione e il taglio delle cipolle, è bene ricordare che l’uso di un coltello molto affilato renderà il lavoro più veloce e pulito, evitando di schiacciare e maneggiare l’ortaggio più del necessario.

Origini, diffusione e usi in cucina

La cipolla (Allium Cepa) è una pianta erbacea già nota e apprezzata dagli Antichi Egizi, probabilmente originaria dell’Asia Centrale e oggi diffusa e coltivata in tutto il mondo. Cina, India e Stati Uniti sono i primi tre Paesi produttori. In Italia la cipolla si coltiva da Nord a Sud in tre diverse varietà di colore e numerose selezioni locali, anche di pregio, che trovano in cucina usi differenti a seconda del grado di dolcezza e della possibilità di consumarla cruda. Rimandiamo per questo all’articolo dedicato.

Cipolla in cucina

Dalle cipolle si può ottenere anche una marmellata agrodolce, da utilizzare per accompagnare carne di maiale e formaggi saporiti.

Prova Everli

Registrati gratuitamente e ricevi email con sconti e promozioni per la tua spesa online

Articoli simili

Pubblicato da Daniela Dall'Alba

Laureata in Lingue e Letterature Straniere all'Università degli Studi di Milano, copywriter e traduttrice freelance, Daniela collabora con Everli da febbraio 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.