Come pulire il frigorifero

Come pulire il frigorifero

Pulire il frigorifero è un’operazione che non andrebbe mai trascurata, non solo perché assicura una corretta conservazione degli alimenti, al riparo da muffe e batteri nocivi, ma anche per una buona manutenzione dell’elettrodomestico. Un frigo pulito a fondo e con lo scomparto freezer sbrinato con regolarità ha buone possibilità di funzionare a lungo. La pulizia delle guarnizioni ne garantisce infine la chiusura corretta ed evita costosi sprechi di energia elettrica.

Per pulire in modo efficace il frigorifero e le sue guarnizioni si può ricorrere a prodotti di uso comune, principalmente aceto, limone e bicarbonato, senza necessariamente utilizzare sostanze chimiche aggressive, a meno di non avere a che fare con sporco particolarmente ostinato e macchie di muffa. In questo caso si può ricorrere a prodotti specifici per la pulizia oppure ripiegare sulla candeggina. Giusto qualche goccia su una spugna da passare nei punti difficili e poi subito un accurato risciacquo. Nella maggior parte dei casi comunque, se la pulizia del frigo avviene con la giusta frequenza, i vecchi rimedi possono essere più che sufficienti a ottenere il risultato sperato, con il vantaggio di avere un odore meno invadente e ridurre il rischio di contaminazioni.

In generale, per una pulizia completa dell’elettrodomestico è consigliato seguire cinque semplici passaggi.

  1. Stacca la spina — La prima cosa da fare quando si decide di pulire a fondo il frigorifero è staccare la spina e svuotarlo completamente. Sembra banale, ma è un’operazione che richiede un po’ di tempo e attenzione. Serviranno sacchetti o contenitori refrigeranti per conservare gli alimenti il tempo necessario a terminare la pulizia e sarà l’occasione per liberarsi dei prodotti deteriorati. Solo facendo un po’ d’ordine e gettando gli alimenti scaduti o ammuffiti avrà senso igienizzare le superfici.
  2. Pulisci ripiani e cassetti — Tutti i ripiani, i cassetti e le griglie estraibili possono essere lavati separatamente. Per questa operazione, trattandosi in genere di elementi in plastica o in vetro, si può usare il detersivo per i piatti, da risciacquare sotto l’acqua corrente.
  3. Pulisci l’interno del frigorifero — Per l’interno del frigo è invece consigliabile evitare di creare troppa schiuma ed è meglio procedere con acqua e aceto, versati insieme in un catino dove si immergerà poi la spugna da passare sulla pareti e negli angoli. Nei punti più sporchi può essere necessario passare l’aceto non diluito. Le proporzioni tra acqua e aceto possono essere decise a occhio fino a raggiungere la quantità giusta per ottenere una superficie pulita e sgrassata. In alternativa si può utilizzare una soluzione di acqua e bicarbonato, particolarmente efficace in caso di cattivi odori. Serviranno circa due cucchiai di bicarbonato per mezzo litro d’acqua.
  4. Insisti su muffe e altri residui — Per togliere le muffe o i residui ostinati si può invece creare un impasto di bicarbonato e acqua in proporzione tre a uno. Il terzo alleato della pulizia è il succo di limone, che si può diluire in poca acqua oppure aggiungere alla soluzione di acqua e bicarbonato. Può essere utilizzato anche ciò che resta del frutto tagliato e spremuto, strofinando la parte interna della buccia sulle macchie del frigo per eliminarle.
  5. Risciacqua — È sempre bene poi sciacquare tutto con una spugna e non dimenticare di asciugare l’interno del frigo con molta cura, per evitare quanto possibile zone umide e ristagni.

Pulire le guarnizioni ed eliminare gli odori

Un discorso a parte merita la pulizia delle guarnizioni. Se sono rimovibili sarà molto semplice pulirle, acqua e aceto andranno benissimo, si avrà poi cura di asciugarle perfettamente. In alternativa, anche senza rimuoverle dalla loro sede, è possibile strofinare del bicarbonato aiutandosi con uno spazzolino da denti, lasciare agire e poi sciacquare con una spugna bagnata. Se sono annerite si può provare a strofinare acqua ossigenata diluita, da lasciare in posa qualche minuto prima di sciacquare. In presenza di muffa o incrostazioni troppo tenaci potrebbe essere il momento di sostituire le guarnizioni, ne guadagnerà il buon funzionamento dell’elettrodomestico. È invece sconsigliato usare sulle guarnizioni candeggina e prodotti corrosivi che non farebbero altro che danneggiarle.

Quando l’obiettivo è eliminare gli odori del frigo gli alleati a basso costo sono sempre gli stessi, limone e bicarbonato. Una buona idea è utilizzare una miscela di acqua e limone come spray pulente, sarà sufficiente acquistare un flacone vuoto con un beccuccio spray da destinare a questa operazione. Oppure si può tenere abitualmente in frigo una ciotola con del bicarbonato, che ha naturali proprietà cattura odore, avendo cura di sostituire il contenuto quando inizia a perdere efficacia.

Prova Supermercato24

Registrati gratuitamente e ricevi email con sconti e promozioni per la tua spesa online

Articoli simili

Daniela Dall'Alba

Pubblicato da Daniela Dall'Alba

Laureata in Lingue e Letterature Straniere all'Università degli Studi di Milano, copywriter e traduttrice freelance, Daniela collabora con Everli da febbraio 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *