Come regolare la temperatura del frigorifero

Per mantenere il frigorifero efficiente, riducendo gli sprechi di energia, è essenziale capire come funziona il suo termostato e regolare in modo ottimale la temperatura interna. E se è vero che i frigoriferi non sono tutti uguali, esistono tuttavia alcune regole di base, sia per i modelli con selettore manuale della temperatura che per i modelli con selettore elettronico. Vediamo come procedere per non sbagliare.

Selettore manuale e selettore elettronico, la differenza

I frigoriferi con selettore manuale sono dotati di una rotellina numerata da 1 a 5 (in alcuni casi da 1 a 6). Nel regolarla si dovrà tenere presente che ai numeri più alti corrisponde una temperatura più bassa, e quindi un ambiente più freddo all’interno del frigorifero. A seconda del posizionamento della rotellina, la temperatura può variare partendo dai 7-8 gradi della posizione 1 per scendere fino a 1 grado nella posizione 6. Poiché la temperatura ideale all’interno del frigorifero, a meno che non si presentino particolari necessità, è di circa 4 gradi, si consiglia generalmente di regolare la rotellina sul 3.

Nei frigoriferi con selettore elettronico della temperatura la rotellina è sostituita da un display esterno. In questo caso si andrà a selezionare direttamente la temperatura interna del frigorifero, premendo gli appositi tasti. A differenza quindi di quanto avviene con il selettore manuale, selezionando 4 si imposterà una temperatura interna di 4 gradi. Il selettore elettronico talvolta consente di impostare anche la temperatura del freezer, ma può essere che ne sia previsto uno separato a questo scopo, dipende dal modello di frigorifero scelto. La temperatura ideale di conservazione degli alimenti surgelati varia tra i 21 gradi sotto zero e i 18 gradi sotto zero.

Qualche consiglio per ottimizzare

Ghiaccio sulle pareti del frigorifero
  • Si è detto che all’interno del frigorifero una temperatura di 4 gradi è generalmente sufficiente a conservare in modo ottimale e senza rischi i prodotti freschi. Può essere una buona idea regolare la temperatura per assecondare il cambio di stagione e portare il frigorifero a temperature leggermente più basse in estate e un po’ più alte in inverno. L’importante è evitare gli estremi in un senso o in un altro, per non compromettere il buon funzionamento dell’elettrodomestico. Classica spia di una temperatura non regolata correttamente è la presenza di ghiaccio sulle pareti del frigorifero, cosa che può facilmente danneggiare alcuni alimenti, come le verdure a foglia. Spesso per risolvere il problema è sufficiente riportare la rotellina verso un numero più basso o riselezionare la temperatura sul display.
Porta del frigorifero
  • Mantenere una temperatura il più possibile costante all’interno del frigorifero eviterà sprechi di energia causati dalla continua necessità di ripristinare i livelli impostati. Per fare questo è importante evitare di aprire e chiudere in continuazione la porta del frigorifero, non tenerla aperta troppo a lungo e ovviamente fare attenzione che resti poi ben chiusa e mai solo socchiusa. Può essere utile, a questo proposito, anche verificare che le guarnizioni siano in buono stato.
  • Un’altra buona abitudine è organizzare il frigorifero con una logica precisa, facendo sì che i cibi che richiedono una temperatura di conservazione più bassa, come la carne cruda, siano riposti nei ripiani inferiori, riservando quelli in alto agli alimenti che non hanno questa esigenza, ad esempio latte e uova. In questo modo, pur impostando una temperatura media, si potranno differenziare le zone del frigorifero e conservare tutto perfettamente.
  • È essenziale far raffreddare completamente i cibi cucinati prima di riporli in frigorifero, per evitare un’eccessiva condensa e un superlavoro per l’elettrodomestico.
  • Riempire troppo il frigorifero può rappresentare un ostacolo alla corretta diffusione dell’aria refrigerata, indipendentemente dalla temperatura impostata. È consigliabile quindi non esagerare con le scorte e selezionare al meglio cosa va conservato in frigo e cosa no, a partire da frutta e verdura.

Prova Everli

Registrati gratuitamente e ricevi email con sconti e promozioni per la tua spesa online

Articoli simili

Daniela Dall'Alba

Pubblicato da Daniela Dall'Alba

Laureata in Lingue e Letterature Straniere all'Università degli Studi di Milano, copywriter e traduttrice freelance, Daniela collabora con Everli da febbraio 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *