Linfa di betulla: proprietà, usi e controindicazioni

La linfa di betulla è utilizzata in fitoterapia come rimedio naturale a diversi disturbi, principalmente per la sua spiccata azione drenante e purificante. Non è raro ritrovarla tra gli ingredienti di integratori mirati a contrastare pesantezza e gonfiore o tra le bevande funzionali, potenziate dall’aggiunta di particolari nutrienti utili al benessere. Andiamo ad approfondire usi, benefici e possibili controindicazioni di questo prodotto.

Estrazione della linfa di betulla

La linfa di betulla è estratta dai tronchi di Betula verrucosa. L’estrazione della nuova linfa avviene generalmente verso la fine dell’inverno, meglio se particolarmente rigido, da betulle già molto sviluppate e che crescono ad alta quota, praticando fori nella corteccia e collegandoli ad appositi tubicini. Alla raccolta segue una diluizione e una lavorazione che dipende dal rimedio che si intende produrre: estratto, gocce, sciroppi, bevande.

La linfa di betulla vanta un’ottima concentrazione di sali minerali. È ricca di potassio in associazione a manganese, calcio, magnesio, selenio. Ne derivano spiccate proprietà diuretiche e quindi il successo nell’alleviare i disturbi provocati dalla ritenzione idrica: gonfiore, cellulite, pesantezza e fastidi alle gambe. Un uso regolare della linfa di betulla sembra aver dimostrato anche effetti antinfiammatori e antidolorifici, che in associazione all’azione depurativa contribuirebbero a un maggiore benessere psicofisico. È inoltre una fonte di amminoacidi.

Utilizzabile come rimedio naturale per disturbi di lieve e media entità, la linfa di betulla non è comunque da considerarsi del tutto priva di controindicazioni. Come per altri prodotti fitoterapici è bene affidarsi a soluzioni certificate, possibilmente a filiera biologica, e seguire attentamente le indicazioni di utilizzo. Non è inoltre da escludere, specie per le forme più concentrate di prodotto, la possibilità di interazione con medicinali. Andrà prestata particolare attenzione all’uso contemporaneo di altri diuretici o di farmaci anticoagulanti.

È bene ricordare l’importanza di rivolgersi al medico prima di assumere qualsiasi integratore in concomitanza con farmaci e terapie specifiche.

Per precauzione la linfa di betulla è sconsigliata in gravidanza e allattamento ed è ovviamente controindicata in caso di allergia, anche crociata, alle betulacee.

Linfa di betulla, origini e usi

L’utilizzo della linfa di betulla in fitoterapia è molto antico, soprattutto nel Nord Europa, dove la pianta è da sempre particolarmente diffusa, insieme alla tradizione di attendere il risveglio del bosco a primavera per approfittare dei benefici del succo estratto dal suo tronco. In commercio la linfa di betulla è disponibile in diverse formulazioni, che vanno dal succo puro lavorato a freddo alle più recenti acque minerali rinforzate. Indipendentemente dalla concentrazione, la linfa di betulla è, come si è visto, principalmente associata alla necessità di alleggerire l’organismo sottoposto a eccessi alimentari e stress ambientali. A questo scopo andrebbe utilizzata con costanza e unitamente a scelte alimentari corrette e attività fisica mirata. Può così contribuire, ad esempio, all’efficacia di diete detox per rimettersi in forma dopo le feste.

Bere acqua con linfa di betulla

La linfa di betulla pura è spesso consigliata per il consumo mattutino, al risveglio e a stomaco vuoto, diluita in acqua, facendo attenzione a non superare le dosi consigliate. Si abbina a piacere anche a vari tipi di tè o succhi di frutta.

In gocce, acquistabili in parafarmacia ed erboristeria, la linfa di betulla si diluisce in acqua secondo le quantità indicate sulla confezione, per cicli di utilizzo che hanno in genere una durata di almeno un mese.

La linfa di betulla è talvolta associata a derivati di foglie e gemme della stessa pianta per la produzione di sciroppi ad azione disintossicante e di mantenimento della buona efficienza del sistema urinario.

Per incrementare la naturale azione diuretica e depurativa dell’acqua, in commercio esistono anche acque minerali rinforzate con linfa di betulla, particolarmente indicate per un consumo quotidiano.

Prova Everli

Registrati gratuitamente e ricevi email con sconti e promozioni per la tua spesa online

Articoli simili

Pubblicato da Daniela Dall'Alba

Laureata in Lingue e Letterature Straniere all'Università degli Studi di Milano, copywriter e traduttrice freelance, Daniela collabora con Everli da febbraio 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *