Primo bilancio di sostenibilità per Bennet

Bennet ha scelto di chiudere il 2020 con il suo primo bilancio aziendale in tema di sostenibilità, preparandosi con ottimismo alle sfide future e tracciando un quadro del percorso fin qui compiuto in tema di ambiente, persone e prodotti. Sono questi i 3 punti chiave individuati dall’azienda, intorno ai quali continuare a progettare e investire risorse, nell’ottica di una crescita che tenga in dovuta considerazione le più importanti questioni socio-ambientali. Partendo dai dati aziendali relativi al 2019, che danno forma al bilancio, Bennet si è proposta di mettere a punto un piano strategico triennale che dal 2020 appena concluso arriva fino al 2022.

In merito all’ambiente, Bennet ha comunicato i risultati, incoraggianti, ottenuti nel corso del 2019 rispetto all’anno precedente. Diminuzione delle emissioni inquinanti, oltre 900 tonnellate di carta risparmiata per i volantini, riduzione significativa degli imballaggi dei prodotti a marchio e in particolare dell’utilizzo di plastica (-43,9% su base annua), interventi in senso ecologico sul packaging mostrano chiaramente la direzione che l’azienda ha intrapreso e intende seguire. Si aggiungono le azioni concrete per la riduzione dei consumi di elettricità e acqua nei punti vendita, attraverso l’installazione di nuovi impianti e modernizzazioni mirate al risparmio energetico. Non sono mancati poi investimenti per rendere più efficienti ed ecologici trasporti e logistica. Anche l’adozione sistematica, ormai da una decina di anni, delle cassette CPR per il trasporto dei prodotti alimentari, sempre rigenerabili e riutilizzabili, quindi ecologiche ed economiche, ha contribuito a una significativa diminuzione delle emissioni di CO2. Il 99% dei rifiuti 2019 risulta inoltre indirizzato al riciclo.

Passando alle persone, il bilancio di Bennet resta positivo, con un contributo importante, nel corso del 2019, all’occupazione degli under 30. Misure di welfare aziendale quali l’assistenza sanitaria integrativa per tutti i dipendenti, i programmi di formazione e la possibilità di smart working per alcuni uffici, già avviate nel corso del 2019, sono state potenziate nel 2020 per affrontare la pandemia.

Importanti anche i risultati delle azioni di solidarietà verso il territorio, ottenuti con l’adesione ai progetti di Banco Alimentare per il recupero dell’invenduto a favore di enti e associazioni di assistenza locali e attraverso la partecipazione alle giornate di colletta alimentare promosse da Banco Alimentare e Croce Rossa. Altre iniziative e donazioni a sostegno della ricerca scientifica sono poi state attivate tramite le raccolte punti delle carte fedeltà riservate ai clienti, che hanno così potuto offrire il loro contributo.

Infine, per quanto riguarda i prodotti ecologicamente sostenibili, tra il 2018 e il 2019 Bennet ha incrementato la loro disponibilità sugli scaffali, arrivando a 195 referenze certificate (FSC, Ecolabel, UTZ e Bio). Crescono le gamme di prodotti Bennet Bio e l’attenzione dell’azienda alla qualità e alla sostenibilità della filiera, anche per offrire maggiori informazioni e sicurezza al cliente. Bennet riserva inoltre una particolare attenzione alle produzioni agroalimentari locali, disponibili nei punti vendita non solo per favorire l’identità territoriale ma anche perché la prossimità contribuisce alla riduzione dell’impatto ambientale.

Prova Everli

Registrati gratuitamente e ricevi email con sconti e promozioni per la tua spesa online

Articoli simili

Pubblicato da Daniela Dall'Alba

Laureata in Lingue e Letterature Straniere all'Università degli Studi di Milano, copywriter e traduttrice freelance, Daniela collabora con Everli da febbraio 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *