Quanto si conserva la carne in freezer e in frigo?

La conservazione della carne in freezer o in frigorifero segue alcune regole comuni agli altri alimenti freschi e alcune specifiche, delle quali tenere conto non solo al fine del mantenimento delle qualità organolettiche e nutrizionali, ma anche sotto il profilo della sicurezza alimentare. Senza contare la necessità di non sprecare.

Come conservare la carne in frigo

Come conservare la carne in frigo
  • Regolare la temperatura del frigorifero in modo corretto a seconda della stagione.
  • Se la carne è confezionata è bene conservarla nell’imballaggio originale, in caso contrario andrà riposta in un contenitore con il coperchio o in un sacchetto frigo a chiusura ermetica. Questo sia per una corretta conservazione, sia perché non venga a contatto con altri cibi e i ripiani del frigo restino puliti. Occuparsi regolarmente della pulizia e dell’igiene del frigorifero – a maggior ragione se vi si conservano carne e pesce crudi – è importante per evitare contaminazioni batteriche e infezioni alimentari.
  • Nel disporre gli alimenti in frigorifero, il posto migliore per la carne cruda è il ripiano più freddo, vale a dire generalmente il primo dal basso (in molti modelli appena sopra al cassetto per la frutta).
  • I tempi di conservazione della carne cruda variano in base a taglio e tipologia. Seguendo le linee guida del Ministero della Salute, la carne bianca di pollo e tacchino va consumata entro 48 ore, la conservazione della carne macinata deve invece essere più breve, massimo 24 ore. Altra carne fresca e gli affettati acquistati al banco andranno consumati in media entro 3 giorni. Hamburger e carne confezionata in atmosfera protettiva riportano in etichetta la data di scadenza da rispettare. Sulle precauzioni di conservazione influisce anche il tipo di cottura a cui la carne è destinata. La macinata per il ragù, che andrà cotta a lungo, comporta meno rischi se si attende qualche ora in più a cucinarla rispetto a quanto accade con una bistecca che si intende lasciare al sangue.
  • La conservazione della carne cotta in frigorifero non dovrebbe superare i 3 giorni, sempre avendo cura di utilizzare i contenitori adatti e riporla correttamente.

Come conservare la carne nel congelatore

La congelazione domestica è una buona soluzione per conservare la carne cruda più a lungo. È importante che la carne sia fresca e non sia già stata conservata in freezer. Una volta scongelata la carne non deve più essere ricongelata.

Come conservare la carne nel congelatore
  • Per una corretta conservazione, la temperatura del freezer domestico non deve essere superiore a -18°. Per congelare un prodotto fresco, molti freezer moderni consentono di abbassare ulteriormente e rapidamente la temperatura. Tanto più rapida ed efficace è la congelazione, meglio si conserveranno le qualità organolettiche originali del prodotto.
  • I tempi di conservazione della carne in freezer dipendono dalla quantità di acqua e grassi contenuta nel taglio scelto. Alla temperatura di -18°, carne di maiale e salsicce, più grasse, si conservano meno a lungo (in media 3 o 4 mesi) rispetto alla carne di manzo magra (fino a 9 mesi). Pollame e carni bianche congelati durano dai 4 ai 6 mesi (fino a 9, in base al taglio). I tempi si possono dilatare se il freezer è in grado di raggiungere temperature più basse. Si consiglia di verificare e seguire le indicazioni di utilizzo riportate sulle istruzioni dell’elettrodomestico.
  • Valgono per il freezer le stesse attenzioni viste per la conservazione in frigorifero rispetto a confezionamento, igiene e pulizia. In più è bene ricordare di etichettare i contenitori con la data di congelamento.
  • Acquistando confezioni di carne già surgelata si avrà cura di rispettare la data di scadenza e le indicazioni di consumo riportate in etichetta.

Alcuni metodi di conservazione della carne possono influire sulla durata del prodotto. La conservazione della carne sottovuoto consente di mantenere inalterate le sue caratteristiche più a lungo, sia in frigorifero (in media 2 o 3 giorni in più) che in freezer (fino a 12 mesi). La conservazione sottovuoto non va confusa con la conservazione in atmosfera protettiva (o modificata) dove l’aria nella confezione non è assente, ma sostituita da una miscela di gas d’imballaggio studiata per proteggere il prodotto e conservarne le proprietà ostacolando la proliferazione di microrganismi.

Prova Everli

Registrati gratuitamente e ricevi email con sconti e promozioni per la tua spesa online

Articoli simili

Pubblicato da Daniela Dall'Alba

Laureata in Lingue e Letterature Straniere all'Università degli Studi di Milano, copywriter e traduttrice freelance, Daniela collabora con Everli da febbraio 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *