Rapporto Coop 2020, l’Italia dopo il lockdown

È stata presentata a Milano il 10 settembre l’anteprima digitale del nuovo rapporto Coop 2020, una finestra sulla situazione economica, i consumi e gli stili di vita dell’Italia post lockdown.

Il primo elemento messo in luce dal rapporto è il prevedibile contraccolpo economico, gravissimo, causato dall’emergenza sanitaria a livello globale e che si è tradotto in Italia nella più grave recessione dal secondo dopoguerra, considerata la flessione del PIL nel primo semestre dell’anno. Le previsioni parlano di un recupero lento, non prima del 2023, della situazione precedente alla pandemia. Allo stesso tempo la crisi estesa a tutto il continente ha fatto sì che gli Stati membri dell’UE si mobilitassero per la creazione di un piano comune di rilancio economico. E mentre si attende e si confida nei risvolti positivi del Recovery Fund e in un vaccino che possa mettere un punto alla diffusione del Covid-19, la sensazione generale che emerge è ancora quella di una stasi, di una difficoltà o impossibilità concreta di fare progetti per il futuro, accompagnata da un dilagante pessimismo rispetto alla situazione lavorativa e reddituale per i mesi a venire.

La crisi colpisce più pesantemente, come è ovvio, le situazioni già fragili, le classi meno abbienti e i giovani in attesa del primo lavoro, mentre sembra resistere, tra risparmi e rinunce e non senza difficoltà, la classe media. Raggiungono l’84% gli italiani che a causa della pandemia hanno dovuto rinviare o hanno scelto di rinunciare a un’attività o a un progetto di vita (matrimoni, figli, traslochi, nuovi investimenti lavorativi) e sono 3,1 milioni le famiglie che prevedono un prolungamento delle difficoltà economiche ben oltre il termine della crisi sanitaria.

La sensazione di vivere in una bolla, necessariamente marcata durante il lockdown, prosegue per molti sostenuta dall’incertezza, influenzando stili di vita e di consumo con risultati contrastanti. Da una parte prevalgono abitudini che richiamano il passato, la tendenza a rallentare, a viaggiare su corte distanze e passare molto più tempo nelle proprie abitazioni, che diventano anche il luogo di incontro di elezione per amici e affetti, dall’altra si assiste a una digitalizzazione e modernizzazione crescente, ricercata o forzata, che tocca tutti i settori, dal lavoro allo studio, all’intrattenimento, all’acquisto di generi alimentari. E a questo proposito il rapporto Coop evidenzia come il cibo sia tra le categorie meno colpite dalle previsioni di riduzione di spesa.

Gli italiani sono tornati ai fornelli durante il lockdown facendo impennare la vendita di ingredienti base (+28,5% su base annua per la grande distribuzione) e proseguono su questa strada, privilegiando l’home made e il cibo sano e igienicamente più sicuro, anche e soprattutto a livello di packaging, avendo un occhio attento alla sostenibilità e premiando le filiere green e i prodotti del territorio. Non sembra esserci intenzione di risparmiare sulla qualità, ma certamente di ottimizzare mangiando più spesso a casa che al ristorante, sperimentando e dedicando alla cucina più tempo rispetto ai dati medi degli ultimi anni. Gli italiani hanno scoperto o riscoperto la comodità dei servizi di spesa on line. È cresciuto sensibilmente in questi mesi e sembra tenere, soprattutto per le classi medio-alte, l’interesse per l’e-commerce alimentare, la frequenza e anche il valore del carrello (+56% la crescita delle famiglie acquirenti nella fase 1 dell’epidemia rispetto al 2019, +17% la frequenza di acquisto, secondo i dati Nielsen di agosto 2020).

Coop Italia saluta positivamente l’interesse confermato e crescente della clientela per i prodotti green ed ecosostenibili, che facevano già parte, anche prima del lockdown, di un segmento importante di investimenti per l’insegna, e annuncia la volontà di promuovere un connubio sempre più stretto tra qualità, sostenibilità e convenienza, per riuscire a soddisfare le necessità anche delle fasce più colpite dalla crisi economica.

Prova Everli

Registrati gratuitamente e ricevi email con sconti e promozioni per la tua spesa online

Articoli simili

Daniela Dall'Alba

Pubblicato da Daniela Dall'Alba

Laureata in Lingue e Letterature Straniere all'Università degli Studi di Milano, copywriter e traduttrice freelance, Daniela collabora con Everli da febbraio 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *